morte ingiusta

Pechino, 21 feb. (TMNews) – Due ragazzi tibetani di 17 e 18 anni si sono immoblati nella città di Dzorge, nella provincia del Sichuan, sud-ovest della Cina. Rinchen, 17 anni, e Sonam Dargye, 18 anni, compagni di classe alle scuole elementari, hanno dato fuoco ai loro abiti e poi sono morti avvolti dalle fiamme, secondo quanto riporta l’associazione International Campaign for Tibet (ICT). La notizia è stata confermata anche da Free Tibet, un’altra organizzazione di difesa dei dirittti dei tibetani- Le famiglie dei due ragazzi hanno potuto recuperare le loro spoglie, ma non è certo che possano celebrare il rito funebre tradizionale, generalmente impedito dalle autorità cinesi.

Ai piedi della regione autonoma cinese del Tibet, la provincia di Sichuan ospita una numerosa comunità di etnia tibetana. Nella stessa città di Dzorge, il 3 febbraio si era dato fuoco un monaco tibetano di 33 anni, Lobsang Namgyal, dopo aver gridato: “Lunga vita al Dalai Lama”.

La duplice immolazione fa salire a 104 il numero dei tibetani che si sono suicidati col fuoco dal 2009 per protestare contro la repressione di Pechino. Almeno 22 di queste immolazioni sono state compiute da minorenni.

 

 

C’è sempre dolore nel leggere  certi fatti….. giovani…ragazzi…. che si uccidono per una idea…. Per l’idea che diventa più importante della vita stessa….del pensiero del futuro….della speranza in un mondo migliore….. questi due ragazzi hanno deciso che per loro non c’è posto in questo universo….. e hanno scelto la morte…. una di quelle più atroci….morire bruciati….. Non lo so se nel Tibet c’è veramente tutta questa fame di libertà….. tutta questa voglia di sfuggire al dominio cinese…. So che ogni tanto qualcuno si  brucia…… so che se giro per il mondo vedo ogni tanto manifestazioni pro Tibet libero….. per ultima Amsterdam…… nella Piazza  Dam….. e provo dolore…. Perché la morte così è ingiusta…. e immorale….. e fuori della norma e della natura…..

 

Immagine

Annunci

2 thoughts on “morte ingiusta

  1. lella ha detto:

    forse quando non c’è futuro, diventa futuro un’idea…quell’idea di libertà diventa vita e morte…non conosco bene la situazione nel Tibet, forse ora ci sconvolge perchè non siamo più abituati a sentir morire per un’ideale…moriamo perchè non ci sentiamo adeguati a questa vita…

  2. bigetto ha detto:

    forse lella…. il tibet è ora sotto il dominio cinese….leggevo che prima non è che stesse molto meglio…… era sotto il “dominio” dei sacerdoti locali buddhisti…. però era un popolo…una nazione…un territorio….Ora sono sotto la dominazione cinese…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...