25 aprile

L’Italia festeggia la Liberazione, Napolitano: «Valori incancellabili». Renzi: «Grazie ai ribelli di allora»

Roma festeggia il 25 aprile: Napolitano e Renzi omaggio al Vittoriano

 

di Veronica Cursi

L’italia festeggia il 69esimo anniversario della Liberazione. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano è arrivato al Vittoriano a Roma per la cerimonia del 25 Aprile, dove come di consueto ha deposto una corona di alloro all’Altare della Patria. Ad accogliere il capo dello Stato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro della Difesa Roberta Pinotti e il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti. Il discorso del presidente Napolitano si è snodato su diversi punti: il ricordo e l’importanza di quella giornata ma anche un pensiero ai Marò ancora trattenuti «ingiustamente lontano dalla famiglia e dalla loro patria». Con uno sguardo alla situazione delle forze armate: «È necessario guardare alle esigenze di bilancio, ma sulla spesa per la difesa non ci possono essere «decisioni sommarie», ha detto Napolitano. Si devono dunque «soddisfare esigenze di rigore e di crescente produttività nella spesa per la difesa, senza indulgere a decisioni sommarie che possono riflettere incomprensioni di fondo e perfino anacronistiche diffidenze verso lo strumento militare, vecchie e nuove pulsioni antimilitariste». «La Resistenza, l’impegno per riconquistare all’Italia libertà e indipendenza fu un grande moto civile ed ideale, ma soprattutto fu un popolo in armi, una mobilitazione coraggiosa di cittadini giovani e giovanissimi che si ribellavano allo straniero», ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E ha ricordato l’impegno «degli italiani che uscivano dalle dure vicende della guerra fascista e riprendevano le armi per liberare l’Italia». «E non mancò l’apporto delle donne. Furono uniti dallo stesso fondamentale obiettivo di futuro di pace per il quale serviva la mobilitazione armata. Non c’era spazio per una mobilitazione inerme alla pace. La scelta combattente risultò decisiva per restituire dignità all’Italia». Renzi arriva a piedi Il premier questa mattina ha raggiunto a piedi da Palazzo Chigi il Vittoriano, tra i saluti e gli applausi della gente. Ciclisti e pedoni gli si sono avvicinati per salutarlo e congratularsi. «Dai, è la volta buona!», gli ha urlato un ciclista, facendo aprire il premier in un sorriso. Renzi non si è mai fermato, se non quando si è sentito chiamare «Matteo, Matteo» da una vocina: era una bimba di Gravina di Puglia, con la sua famiglia a Roma per le santificazioni dei due Papi. Scattata la foto, il premier ha ripreso il percorso. Poi, lungo via del Corso un commerciante lo saluta. Il premier risponde: «Come va?», E il commerciante: «Si lavora…». Al che Renzi si ferma e ribatte: «Lascia fare: non è poco di questi tempi poter dire che si lavora». Arrivato a piazza Venezia si è levato un applauso. «Grande Renzi, coraggio!», gli è stato urlato da dietro le transenne. Il tweet «Viva l’Italia libera»: è quanto ha scritto il premier Matteo Renzi in un tweet per ricordare il 69/o anniversario della Liberazione. «Un grazie – aggiunge Renzi – ai ribelli di allora. Scorrono i loro nomi: Silvano, Eda, Giorgio, Liliana, Elia e tanti altri. Viva l’Italia libera #unamattina». Il presidente della Camera Boldrini. «Le istituzioni vanno migliorate, ma non vanno demolite, non bisogna distruggere perchè la democrazia non è gratis, non è a costo zero». È il messaggio lanciato da Montesole, sulle colline di Marzabotto, dove si celebra il 25 aprile ricordando le vittime del più grande eccidio nazifascista avvenuto in Italia, dalla presidente della Camera Laura Boldrini. «La memoria non può essere offesa, come è successo nei giorni scorsi quando qualcuno ha giocato con i ricordi della Shoah. Vergogna. Questo, nell’Italia democratica non può essere consentito a nessuno». Lo ha detto il presidente della Camera Laura Boldrini riferendosi ad un post pubblicato nei giorni scorsi da Beppe Grillo.

 

 

Non voglio sollevare polemiche , soprattutto con gente che è vissuta e vive con il paraocchi ….il 25 aprile di ogni anno io me ne vado….vado in giro…. cammino….leggo…. mi faccio la montagna o il mare…lontano dalla gente che ha voglia di ricordare….ricordare poi cosa?…. Un bimbo di 10 anni, figlio di una mia amica, l’altro giorno parlava della guerra…di quello che aveva saputo dalle chiacchiere dei grandi….. Lo ascoltavo distratto, ma poi mi sono messo attento…. Diceva che gli italiani di allora erano stati vigliacchi e traditori…. Avevano tradito gli amici tedeschi per paura di perdere la guerra… Perché…..e questo mi ha fatto pensare…. Perché non si sono ribellati prima se non erano d’accordo con il Governo di allora?…. Perché sono entrati in guerra a fianco della Germania, se non erano d’accordo?…. Perché i famosi partigiani sono usciti allo scoperto solo al termine della guerra….quasi…..provocando una carneficina di italiani ?……. Io ho solo ascoltato, ma mi sono venute in mente le parole di mio padre….messo al muro dai tedeschi insieme ad altri 99 perché i partigiani avevano ucciso tre soldati loro  in un agguato e poi erano scappati, lasciando la popolazione locale sotto la vendetta dei  tedeschi. Mio padre mi raccontava che avevano fucilato 10 civili, e lui era scampato alla morte perché  nono di 10…..aveva visto morire quello accanto a lui….. E di storie così ce ne sono in Italia tante, come tutte le uccisioni fatte dai “partigiani” per vendetta o per ruberie, con la scusa  di uccidere fascisti o collaboratori…….

Quando sento le parole di un Presidente o  di altri parlamentari, mi viene voglia di vomitare… Ma come fanno a  parlare così, si vede che ci considerano solo pecore da portare al macello…. Dovrebbero abolire questa “pseudo festa”…è solo il ricordo di una brutta guerra civile fra italiani…

 

Immagine

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...