Sentinelle in piedi

Al Senato anche la sen. Laura Bianconi interroga il Ministro dell’Interno sugli attacchi contro Sentinelle in piedi, sollecitando l’emanazione di una circolare ad hoc per Prefetti e Questori.
Interrogazione a risposta orale
Al Ministro dell’Interno –
Premesso che:
“Sentinelle in Piedi” è un movimento di resistenza di cittadini che vigilano su quanto accade nella società e sulle azioni di chi legifera, denunciando ogni occasione in cui si cerca di distruggere l’uomo, la libertà d’espressione e la tutela della famiglia naturale fondata sull’unione tra uomo e donna;
la libertà d’espressione non ha religione o appartenenza politica;
contro questa rete apartitica e aconfessionale e la loro semplice modalità di protesta pubblica, già andata in scena ben 90 volte in 10 mesi in molte città, (almeno 12 veglie sono già previste per il mese di giugno), si sono ripetutamente scagliati piccoli ma rumorosi gruppi di attivisti che invece sostengono l’equiparazione di ogni tipo di unione, tentando – quasi sempre invano – di provocare disordine e inutili provocazioni;
Constatato che:
l’ultimo episodio di aggressione verbale è avvenuto sabato scorso a Lecce, dove si sono radunate circa 150 persone, in larga parte giovani e famiglie provenienti da diverse regioni italiane. La manifestazione, iniziata con una breve introduzione della portavoce, ha visto i partecipanti restare in piedi per un’ora, a distanza di circa un metro l’uno dall’altro, intenti a leggere un libro;
la manifestazione aveva l’obiettivo di richiamare l’attenzione sul carattere liberticida del ddl Scalfarotto;
nei giorni antecedenti la veglia, le organizzatrici hanno informato la Questura il (23 aprile e il 6 maggio), sollecitando una maggiore attenzione e impegno al fine di garantire lo svolgimento pacifico del raduno;
pochi istanti dopo l’avvio della manifestazione, da strade di accesso differenti, spuntano oltre cinquanta attivisti di associazioni LGBT; viene scatenata una gazzarra che dura per tutta la veglia: con urla e slogan ritmati, i militanti arcobaleno impediscono che si ascoltino le comunicazioni all’inizio e alla fine; molestano i singoli “veglianti” posizionandosi di volta in volta in 6-7 attorno a ciascuno di essi e dileggiandoli; espongono striscioni e palloncini, coprendo i “veglianti”; per prendere in giro, leggono ad alta voce alcuni dei titoli dei libri tenuti in mano; distribuiscono un lunghissimo volantino, che contiene le firme di decine di sigle, Associazione LeA, Arcigay Salento, Agedo Lecce, Rete antirazzista, Arci Lecce, Coordinamento Puglia Pride 2014, Unione degli studenti, e così via, con singolare mescolanza di reti LGBT e antagoniste. Il tutto senza alcun intervento delle forze dell’ordine;
Episodi analoghi erano accaduti nei mesi scorsi anche a Bergamo, quando gruppi attivisti Lgbt insieme ai centri sociali non si sono limitati a insultare le sentinelle ma hanno anche lanciato dei fumogeni alle persone che vegliavano immobili e silenziose; poi è stata la volta di Trento dove 200 contestatori si sono infilati tra le fila delle Sentinelle in Piedi provocandole, insultandole e minacciandole con cani di grossa taglia, in una vera e propria contro-manifestazione organizzata. Non è andata meglio a Perugia il 29 marzo e a Verona, dove per tutta la durata della veglia i contestatori, anche in questo caso organizzati, hanno coperto di insulti le Sentinelle in Piedi. Poi è stata la volta di Siena, dove durante la prima veglia dello scorso 20 giugno c’è stata molta tensione perché un gruppo di contestatori attivisti Lgbt si è infilato nello schieramento delle sentinelle in modo provocatorio;
l’atteggiamento delle forze dell’ordine in alcune città non ha impedito ai contestatori di avvicinarsi alle Sentinelle in Piedi minacciandoli molto da vicino;
le pacifiche manifestazioni vengono comunicate con largo anticipo agli organi competenti con le modalità e i tempi della mobilitazione, e la legge dovrebbe garantire il normale svolgimento della stessa, invece in più di un caso non è stato così;
a rendere il tutto ancora più sconcertante sono le dichiarazioni del Sindaco di Siena, Bruno Valentini il quale, su sollecitazione del consigliere del Pd Katia Leolini, ha annunciato che intende procedere ad una revisione del regolamento comunale per evitare che in futuro le Sentinelle in Piedi possano nuovamente vegliare in Piazza del Campo. Secondo il consigliere Leolini la veglia delle Sentinelle in Piedi avrebbe “espresso contenuti di natura politica e ideologica, in particolare contro i matrimoni gay”;
Pertanto, si chiede di sapere al Ministro interrogato:
Quali iniziative intenda adottare per tutelare la libertà di espressione del pensiero in manifestazioni assolutamente pacifiche;
se il Ministero valuti idonea l’emanazione di una circolare ai Questori e Prefetti delle città coinvolte dalle manifestazioni, che predisponga linee guida per la gestione di queste manifestazioni ed, in particolare, garantisca l’utilizzo, se del caso, di un numero congruo di mezzi e uomini per la difesa del diritto alla libertà di espressione.
Sen. Laura Bianconi
…………mi sono chiesto fino ad ora perché nessuno si muoveva….perchè il Parlamento eternamente assente nei problemi del Paese non dicesse nulla… Mi sono chiesto e poi…sono andato…. Già…ho preso la macchina, ho fatto due ore di strada e sono andato a Perugia… In mattinata avevo contattato ,tramite internet, le Sentinelle in piedi… mi avevano risposto che erano felici e che mi dovevo portare un libro….Perugia mi piace….mi piace la città…gli abitanti, le case, i colori….. ci sono vicoli deliziosi e baretti altrettanto….. Sono voluto andare perché quando leggo qualcosa, o ho notizia di qualcosa, sento il bisogno di verificare…. Ho fatto amicizie…. parlato ma soprattutto ascoltato….. poi ci siamo messi in piedi, con un libro in mano, io anche iPad, e per un’ora, sotto un sole per me piacevole, siamo stati fermi e zitti….tutti rivolti verso il Palazzo dei Priori….. c’erano polizia e carabinieri che ci guardavano…. Io nella mente sempre l’art. 19 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo : Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione…….. C’è stato un tentativo da parte di un gruppetto di fare casino con canti ed urla appropriati, ma è finito presto…. eravamo 200….molti giovani….. tanta tranquillità….
Al ritorno mi sono sentito soddisfatto….non perché sono contrario a certi atti o leggi….. Fosse per me abolirei ogni frontiera ed ogni morale… per me va bene la libertà assoluta…ognuno è libero di fare quello che vuole….ma c’è un però che per me è tassativo….. la mia libertà arriva fino ad un metro del mio vicino…. Al di là non posso andare…. Mi sembra di sentire dentro di me, a volte, come un campanello di allarme… ci sono persone che cercano in tutti i modi di uccidere questa nostra libertà…. Ed allora si inventano parole o raccontano storie che il solito popolino beve …. Ho due amici gay….ho vissuto un periodo con una lesbica…nessuno di loro si identifica nei gruppetti che si divertono a fare casini nelle città con la scusa della omofobia….. nessuno di loro vuole sposarsi, né tanto meno avere figli…. vogliono vivere sì la loro vita come sentono, ma non vogliono tutte quelle storie che diverse associazione pseudo gay portano avanti…. Tre persone non fanno una regola, è vero….. ma ho allargato anche la conoscenza del problema ad altri “ diversi” ….tutti uguali…. Ma allora perché vogliono fare una legge che ci porterà ad una dittatura ?…

042

Annunci

7 thoughts on “Sentinelle in piedi

  1. sentimental ha detto:

    Torno per leggerti con più calma
    Buona giornata 🙂
    Gina

  2. sentimental ha detto:

    Caro Bigi, grazie, sei una Splendida Persona
    un abbraccio
    Gina

  3. Secondo me invece di “vigilare sulla tutela della famiglia naturale fondata sull’unione tra uomo e donna“, bisognerebbe vigilale sui politici corrotti e mafiosi.
    Tra l’altro c’è anche un po’ di incoerenza: “denunciando ogni occasione in cui si cerca di distruggere l’uomo, la libertà d’espressione” e poi fanno casino per non far sposare i gay? Mah… Secondo me questi vorrebbero imporre la libertà come la intendono loro. Solo come la intendono loro.
    …E nella storia non sarebbero nemmeno i primi…!

    • bigetto ha detto:

      beh….hai ragione in una cosa ci si dovrebbe vigilare anche sui politici corrotti…io direi anche su chi li ha votati…in questo tempo e’ impossibile non sapere le ruberie che avvengono in tutti i campi… secondo me c’e’ troppa gente che mangia con la politica, e la colpa e’ nostra. Per quanto riguarda le Sentinelle, non mi sembra che facciano casino per non far sposare i gay….. stanno manifestando perche’ le famose lobby gay ( che poi gay non sono) cercano di far passare una legge che ti impedira’ un domani di dire quello che pensi sulle questioni gay… in parole povere vogliono chiudere la bocca a tutti…. questo si chiama attentato alla liberta’……. perche’ faranno presto ad allargare la legge, per cui un domani non potrai piu’ neanche brontolare sui ladrocini dei parlamentari…… Per me i gay e simili possono sposarsi, divorziare, fare tutto quello che vogliono… quelli che conosco io non ci pensano affatto…

  4. mmm…. mi sono informato meglio e effettivamente hai ragione.
    Però la proposta di legge non riguarda solo le discriminazioni circa i gusti sessuali, bensì anche razziali e religiose.
    Insomma, durante una partita di pallone puoi urlare che la moglie dell’arbitro è una zoccola, ma lascia stare i giocatori di colore!
    E spera che la moglie dell’arbitro non lo stia tradendo con una donna!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...