le due “bambine”….

Vanessa respinge le accuse: “Non siamo responsabili del sequestro”

Una delle due cooperanti rapite: “Non siamo noi le responsabili del sequestro”. E ribadisce: “In Siria è in corso un massacro…”

Sergio Rame – Dom, 18/01/2015 – 16:58

“Ovvio che abbiamo chiesto scusa, ci dispiace per il dolore che abbiamo causato. Ma non siamo responsabili del nostro rapimento“.

Circondata dal padre e dal fratello, Vanessa Marzullo improvvisa una conferenza stampa davanti a casa.

Una chiacchierata coi giornalisti che da giorni le fanno la posta a Verdello, paesino in provincia di Bergamo. Ripete più volte: “Vorrei ancora ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per la nostra libertà, lo Stato, l’unità di crisi e tutte le persone che hanno pregato sperato e sempre pensato a noi”. Niente di più. La verità su come è andata laggiù, in Siria, rimarrà secretata nei verbali degli inquirenti.

“Ci dispiace per il dolore che abbiamo causato”. Vanessa non risponde a tutte le domande che, a raffica, i giornalisti le pongono. Si limita a dire quanto può e quanto vuole. Tutto il resto viene aggirato abilmente. “Eravamo là per aiutare la popolazione”, dice. E assicura che, almeno per il momento, non intende tornare in Siria. Magari in futuro. Non si sa. Nel frattempo continuerà ad aiutare i siriani da qua. “Non dimentichiamo che c’è un massacro in corso”, promette. Poi un pensiero va a Greta Ramelli, l’altra cooperante che ha condiviso con lei cinque lunghi mesi di prigionia in Siria. “È difficile ora stare lontana da Greta – racconta Vanessa – ieri sera ci siamo date la buonanotte, oggi devo ancora sentirla…”. Dei cinque mesi di prigionia Vanessa racconta davvero poco: “Dal primo secondo all’ultimo giorno io e Greta eravamo mano nella mano e questo è stato di conforto”. E ancora: “Dormivamo su materassi, non su un letto vero, siamo state trattate bene, non abbiamo subito violenze”. Non va oltre. Pochi minuti, e poi rientra in casa. Col padre e il fratello, per il pranzo della domenica.

Non voglio giudicare le ragazze….ognuno, per me, è libero di fare la propria vita, vivere la vita che si è scelti, mutarla, cambiarla radicalmente, distruggerla…..questa è la libertà di ognuno di noi e le due ragazze sono libere di fare e disfare….. quello che mi fa pensare un po’ è tutta la vicenda in se….al solito in questa italietta non si riesce mai a conoscere la verità delle cose…. Noi italiani siamo fatti così…. Bugiardi di natura, non riusciamo mai a dire la vera verità….. Le due sono partite , a sentire loro, per andare ad aiutare i bambini siriani…. Le capisco…. Tempo fa sono partito anche io per andare in Africa, nella Guinea, per aiutare….. sentivo il bisogno di fare qualche cosa per quelle popolazioni così fuori della realtà…. Ci sono popoli nel Mondo, in questo Mondo, la cui sopravvivenza non arriva a 18 anni….. si muore prima….di fame…di malattie….di uccisioni… bene, io sono partito così…perché un mio amico mi ha detto : vieni in Africa con me in una missione per dare una mano?…. sono partito  carico di roba, di cibo, di soldi……. I soldi li tenevo negli slip , in una taschina interna che mi era fatto fare…. Appena arrivato , con un aereo da incubo,  ho consegnato tutto quello che avevo alla Missione….. e lì ho visto come si vive fuori della civiltà…. Guidavo un pick-up  scassato e si girava per i villaggi portando riso e scatolame…. Non si è  mai cercato di fare proseliti per la Chiesa….si aiutava chi aveva fame e basta…..  Ogni tanto le Missioni venivano attaccate da gruppi armati….. gli si consegnava tutto quello che si aveva in soldi e si ricominciava…. Non c’è mai stato un sequestro di persona vero e proprio….e lo Stato Italiano non è mai dovuto intervenire…… ricordo che una volta sono arrivati alla Missione sacchi di riso donati dall’Italia…. .Non si pensava ai pericoli…si giocava con i bimbi, una miriade, e si lavorava…. Ogni volta che si ripartiva era un pianto con la voglia di ritornare appena possibile…. Per questo posso anche credere alla voglia delle due ragazze di aiutare i bambini…. Però quello che non credo è la loro incoscienza nell’andare….. a 20 anni non si è più bambini…si ragiona….si programma…. non si va alla ventura….

Penso che ci sia qualcosa che non è stata chiarita e forse non verrà mai chiarita….. all’italiana..

africa 8

Annunci

7 thoughts on “le due “bambine”….

  1. lella ha detto:

    chiunque parte per una missione, parte in piena coscienza, l’unica cosa che non si può prevedere sono gli eventi…scusami, ma cosa c’è da chiarire?

  2. enricogarrou ha detto:

    Concordo. Queste due signore sono partite senza appoggiarsi ad una ONG seria, senza preparazione così alla ventura e questo danneggia, come è stato spiegato da Amnesty alla stampa, tutto il mondo del volontariato. È stata pagata una cifra altissima per il loro rilascio. Sono felice che siano state liberate ma per favore non giustifichiamo tutto in virtù di un buonismo che non ha motivo di essere. Hanno sbagliato e basta. Ma chiarezza purtroppo non si farà mai. Cara Lella con dodici milioni di euro, una ONG seria avrebbe fatto miracoli. Un pensiero

    • lella ha detto:

      grazie per il chiarimento, io non ho esperienza diretta di missione ma immagino appunto che dietro ci sia sempre un appoggio, non si parte per questi paesi allo sbaraglio, lo stato ha pagato l’errore di valutazione di due volontarie…

  3. bigetto ha detto:

    ahahahahah….siiiiiii

  4. Sentimental ha detto:

    Sì, è vero, le due sprovvedute, hanno peccato di leggerezza e incoscienza e chissà cosa altro
    Ma penso anche a tante coetanee che se la spassano in discoteca, con i cervelli fusi da alcol e droghe
    Passa una bella sera, Bigi
    Un abbraccio
    Eloisa

  5. bigetto ha detto:

    hai ragione…. ma vorrei tanto che questa gioventu’ capisse che certi desideri vanno prima valutati e poi…… Ma allora non sarebbero giovani….😀😀😀…… un abbraccio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...