ricordi

Non sopporto che i miei ricordi vengano distrutti da persone che sicuramente hanno bisogno di una visita psicologica…. Ci sono spazi in questo mondo che ho amato e che amo….. vicoli….piazze …. prati….fontanelle… rocce….angoli o semplicemente incroci di strade……. Li amo perché lì ho lasciato una parte dei miei sentimenti…magari qualche sensazione nuova, mai provata…. Normalmente non ritorno mai nei posti visitati….ho paura di non riconoscerli…. Di non provare più la sensazione provata…… Bene….due giorni fa ho avuto la malaugurata idea di passare per una strada di campagna di anni fa….. ricordo che ci si fermava con gli amici, verso le tre della mattina a bere acqua da una fonte, e mangiare un pezzo di pizza calda appena sfornata….c’era anche un angolo dove fare sesso se si aveva la ragazza a portata di mano… Un posto deliziosa….fuori mano quanto basta che ti permetteva di urlare e giocare…. Bene, ci sono passato….un disastro…. un porcile…. da trattenere il respiro e chiudere gli occhi sollevando i piedi per paura di rimanere inzaccherato dalla sporcizia… .Mi sono sentito derubato….. Parlare con qualcuno del Comune è fuori posto….. da qui si vede come siamo ridotti in Italia…
IMG_0020

Annunci

l’ho trovato nel mio PC….lo sto ripulendo…

settarismo
Anche stasera è Abdaraman che m’accompagna all’eremitaggio per l’adorazione: duecento metri che percorriamo insieme, tenendoci per mano e conversando del più e del meno.
Ma sapete chi è Abdaraman? È un ragazzino mussulmano di forse otto anni. Dico “forse”, perché qui non esiste l’ufficio di stato civile, e nessuno prende nota della nascita di un bimbo; così pochi conoscono la loro età con precisione.
Abdaraman non va a scuola, pur essendovi una scuola al di là dell’Oued, frequentata dagli Europei e da qualche “mosabit”, figlio di commercianti del luogo. Non va a scuola, perché suo padre Aleck non lo lascia andare.
“Aleck – gli chiedo – perché non mandi i tuoi figli a scuola?”.
Aleck mi guarda profondamente e mi dice: “Fratel Carlo, non mando i miei figli a scuola, perché diventano cattivi. Guarda i ragazzi che vanno alla scuola: non pregano, non ubbidiscono più e cercano solo di vestir bene”.
Abdaraman è completamente nudo: sembra una bella statuetta d’un color grigio scuro, risultato d’infiniti incroci tra l’Africa nera deportata schiava qui, e l’Africa bianca delle tribù del nord: Arabi, Berberi e Tuareg.
Abdaraman è mussulmano, ha subito la circoncisione come tutti i figli d’Ismaele ed è della stretta osservanza. Suo padre Aleck è un bravo uomo, rico di fede e di figli. Quando viene il mese del Ramadan digiuna dall’alba al tramonto, pur continuando a lavorare il suo campo lungo la sponda dell’Oued di Tamanrasset. Aleck è veramente religioso e ogni anno ricorda il sacrificio di Abramo con l’uccisione di un montone e in tale occasione compera un vestito chiaro di cotono a tutti i suoi piccoli. La sua fiducia in Dio è totale; e, anche se povero povero, non ruba, ma vive del suo lavoro, che consiste nello scavare per mesi e mesi nella sabbia dell’Oued un canale sotterraneo chiamato “seghia”e per altri mesi coltivare il suo campetto che ha bisogno d’acqua almeno tre volte la settimana.
Una volta arrivò la Legione straniera e si accampò lungo la “seghia”scavata nella sabbia e che porta l’acqua al grano di Aleck.
Naturalmente l’acqua venne a mancare e il grano di Aleck incominciò ad appassire.
“Aleck – gli dico, – se continua così, il tuo grano secca. Va’ a dire al capitano che la “seghia” è tua, e che metta il campo altrove”.
Aleck mi risponde: “Allah è grande e provvederà per i miei figli”; e lascia morire il grano, mentre i legionari lavano i camion e si gettano l’acqua addosso per scherzare.
Dunque: Abdaraman mi accompagna stasera all’eremitaggio. Il sole è tramontato e l’aria si è fatta fresca, propizia al passeggiare. Abbiamo sempre molte cose da raccontarci, perché ci vogliamo veramente bene. Ogni mattina me lo trovo davanti alla cella in attesa ch’io finisca la meditazione. Sovente prendiamo il the assieme; ed egli mi dice che gli piace molto il pane che faccio io. Abdaraman ha sempre appetito; ma non mi chiede mai nulla: sono io che debbo indovinare.
Questa sera è serio e risponde a stento alle mie domande. Capisco che ha qualcosa di importante da dirmi e non osa.
Ma so che non tarderò a sapere, perché tra me e lui non ci sono segreti.
“Che cos’hai, Abdaraman, stasera? Perché non parli?”.
Silenzio.
“Non hai mangiato il ‘couscous’?”.
Silenzio.
“Ti ha picchiato il babbo?”.
Silenzio.
“Il fenek è scappato dalla gabbia?”.
Silenzio.
“Ma parla, Abdaraman; apri il cuore al tuo amico fratel Carlo”.
Abdaraman scoppia a piangere e il suo corpo nudo si agita e si contrae.
È uno spettacolo vederlo piangere: ce la mette tutta; e le lacrime, dopo aver irrigato il volto, continuano la marcia sul petto e sul ventre.
Ora sono io che faccio silenzio. Debbo attendere la pacificazione degli elementi.
Gli serro più forte le mani in segno di affetto.
“Allora, Abdaraman, che cosa ti fa piangere?”.
“Fratel Carlo, piango perch’` tu non ti fai mussulmano!”.
“Oh – esclamo io – e perché mi debbo fare mussulmano? Abdaraman, io sono cristiano e credo in Gesù. Io prego il Dio che creò il cielo e la terra come te, e le nostre preghiere vanno nello stesso Cielo, perché di dei ce n’è uno solo. E il mio Dio è il tuo Dio. È Lui che ci ha creati, ci nutre, ci ama. Se tu farai il tuo dovere, non ruberai, non ucciderai, non dirai menzogne; se tu seguirai la voce della tua coscienza, andrai in Paradiso; e sarà lo stesso Paradiso del mio, se anch’io avrò fatto ciò che Dio mi comanda. Non piangere più”.
“No, no – mi grida Abdaraman; – se tu non ti fai mussulmano, vai all’inferno come tutti i cristiani”.
“Oh, questa è bella, Abdaraman! Chi t’ha detto che andrò all’inferno se non mi darò mussulmano?”.
“Me l’ha detto il Taleb (maestro della scuola coranica) che tutti i cristiani vanno all’inferno; e io non voglio che tu vada all’inferno”.
Siamo giunti vicino all’eremitaggio e Abdaraman si ferma. Più avanti non è mai venuto. S’è sempre fermato a una decina di passi da quella costruzione, e per tutto l’oro del mondo non entrerebbe, come se là dentro ci fosse una misteriosa diavoleria interdetta ai piccoli mussulmani.
L’amore che ha per me, ed è molto, s’è sempre urtato contro questo muro che ci divide e che stasera prende addirittura il nome così tremendo: “inferno”.
Gli dico: “No, Abdaraman; Dio è buono e ci salverà tutti e due; salverà tuo padre, e tutti andremo in Paradiso. Non credere che per il solo fatto ch’io sono cristiano andrò all’inferno, come io non credo che tu ci andrai perché sei mussulmano. È così buono Iddio! Forse non hai capito bene che cosa voleva dire il Taleb; forse ha detto che i cattivi cristiani vanno all’inferno. Sta’ tranquillo; va’ a casa a recitare la tua preghiera mentre io reciterò la mia; e prima di terminare, di’ questo a Dio, come dirò io: – Signore, fa’ che tutti gli uomini si salvino. – Va’ …”. Ed entro triste nell’eremitaggio, in questa piccola costruzione di fango, costruita dallo stesso Charles de Foucauld, che volle farsi chiamare Piccolo Fratello universale e che qui morì trucidato per ignoranza e fanatismo dai figli della stessa tribù di Aleck e Abdaraman.
Ma stasera mi sarà difficile pregare! Quale tumulto di pensieri ha suscitato in me il mio piccolo amico!
Povero piccolo Abdaraman! Anche tu vittima del fanatismo, dello zelo intempestivo dei cosiddetti “uomini di Dio”, dei religiosi che manderebbero all’inferno metà del genere umano, solo perché “non sono dei loro!”.
Quanto è doloroso tutto ciò! Come è possibile che ciò avvenga? Che il filo d’amore che mi unisce ad un fratello sia spezzato dal presento “zelo per Dio”! Che la religione, invece di essere motivo di unione, divenga trincea di morte o per lo meno di odio inconfessato. Meglio non averla questa religione che divide. Meglio brancicare nel buio che possedere una simile luce!
* * *
Dopo un’ora di sforzo per raccogliere la mia povera anima dinanzi al silenzio dell’Eucaristia, mi sono accorto che le lacrime rigavano la mia “grandura”bianca. Ero io ora che piangevo. E sapete perché?
Facendo l’esame di coscienza per purificare la mia anima e non quella di Abdaraman dal settarismo mi era tornata alla memoria una scena che risaliva alla mia infanzia. Avevo allora otto anni, proprio otto anni come Abdaraman. Vivevo allora in un villaggio all’ombra di un antico campanile. Non era molto religiosa la popolazione, ma era chiusa e tradizionalista all’eccesso.
Un giorno venne un uomo a vendere libri, passando di casa in casa. Non capivo molto, allora, ma fu la prima volta ch’io intesi la parola “Bibbia”.
Si produsse nel villaggio un’agitazione strana. Prima nelle donne, poi in tutti; chi per zelo, chi per rispetto umano.
Si sentirono nell’aria grida isteriche d’una donna. Da una finestra gridava:
“Barbet, barbet. Non abbiamo bisogno della tua religione. Va’ via di qui”.
L’agitazione raggiunse i ragazzi.
L’uomo camminava in mezzo alla strada, pallido. Aveva i libri in una grande borsa scura, pesante.
Una donna gli tirò dietro un libro che aveva avuto poco prima. L’uomo s’abbassò a raccoglierlo senza voltarsi. Una pietra scagliata da un ragazzo lo colpì nella schiena. Accelerò il passo, seguito dai ragazzi a distanza. Ciascuno aveva in mano una pietra. Tra quei ragazzi c’ero anch’io.
La sera, alla benedizione eucaristica del mese mariano, il parroco ci lodò, perché avevamo difeso la trincea della parrocchia.
Sembra nulla; ma a distanza di quarant’anni, e particolarmente stasera, quella scena acquista un valore ed una gravità tutta nuova.
Non mi sono mai confessato d’aver tirato un sasso dietro ad un uomo indifeso, e per zelo religioso. L’episodio si iscrive in un mondo che accettava simili cose, senza vederne tutta la malvagità.
Ma a distanza di mezzo secolo le cose sono cambiate.
C’è nell’aria qualcosa di nuovo. Un soffio dello Spirito anima l’universo intero. Un mondo vecchio muore e un altro nasce. Altra sensibilità, altre esigenze, altre forze. Siamo all’alba di un’epoca marcata da un gran desiderio d’amore e di pace tra i popoli e tra gli uomini.
La verità e la carità sono in marcia di nuovo per incontrarsi; e il rispetto della persona umana è diventato il rritornello, il canto di tutte le genti.
Un senso ecumenico scioglie i nodi più complicati; e un desiderio di conoscerci e di capirci supera di gran lunga la tentazione di rimanere chiusi nella vecchia cittadella della nostra presunta verità.
L’uomo, forse, per la prima volta esce in campo senza difese e con la speranza di incontri fecondi.
L’amicizia sta diventando la normale via dei rapporti umani e le guerre di religione sono confinate nella storia del passato.
* * *
Abdaraman, mio piccolo e caro Abdaraman, non temere; ci ameremo ancora e ci incontreremo; e… non solo in Paradiso.

Fratel Carlo Carretto

legno

Siamo già quasi alla metà di maggio ed ancora le spiagge dalle mie parti sono piene di rifiuti, la maggior parte portati dai fiumi che, con le recenti piene ,hanno depositato quintali di legname di vario tipo… Alcuni bagnini stanno pulendo lo spazio loro assegnato, ed accumulano tutto sul bordo della strada…. Domenica ero lì a guardare….e vedevo alcuni arrivare con un furgone, scegliere i pezzi di legno più adatti e caricarli nel cassone… legna da ardere…c’è da metterla a seccare al sole per tutta l’estate….. d’inverno brucia bene e riscalda… i nuovi poveri….gente che non ha soldi per pagare il gasolio da riscaldamento che sopperisce con il camino…… ce ne sono diversi…. In tutte le spiagge….. raccolgono per l’inverno…. Novelle formichine, indirettamente aiutano anche la spiaggia e rendersi più pulita… io cerco nel mucchio pezzetti di legno strano…. magari contorti …. da poter usare come soprammobili…. Ogni tanto faccio qualche bella scoperta…. Mi piace…
IMG_0948

Casa Bianca USA

Parla l’ex stagista della Casa Bianca
La verità di Monica. La Lewinsky rompe il silenzio dopo 15 anni: “Relazione con Bill fu consensuale”
In un articolo pubblicato nel prossimo numero dell’edizione Usa di Vanity Fair la donna, ora 40enne, parla della sua storia tra il ’95 e il ’96 con l’ex presidente, Clinton irrompendo così nella corsa alle presidenziale del 2016
New York (Usa) 07 maggio 2014Torna a parlare dopo 15 anni. Quindici anni di silenzio e 40 anni sulle spalle. Aveva 20 anni Monica Lewinsky quando scoppiò il caso: lei era una stagista alla Casa Bianca tra il 95 e il 96 ed ebbe una storia di sesso con l’allora presidente Clinton. Una storia che ha fatto tremare la Casa Bianca e lui, il grande bugiardo.

In un articolo pubblicato nel prossimo numero dell’edizione americana di Vanity Fair, la Lewinsky è netta: Clinton si approfittò di lei. Una relazione ‘vera’ e che lei definisce consensuale. Anche se alla fine ci furono abusi, quando l’entourage di Clinton cercò di screditarla e gli oppositori del presidente cercarono di usarla come pedina politica.

Nei passaggi resi noti in anticipo, Lewinsky afferma di essere probabilmente il primo capro espiatorio dell’era di internet e di volere parlare a nome delle altre vittime delle umiliazioni online. E se tutto questo fosse una mossa dei repubblicani per screditare Hillary Clinton papabile candidata dei democratici alle prossime presidenziali del 2016? La tempistica è perfetta: i repubblicani hanno già fatto sapere che non considerano archiviato lo scandalo degli anni ’90 e che potrebbero usarlo in campagna elettorale.

Di questa storia ricordo solo un “ciucciolo “ fatto dalla Monica al Presidente….. ricordo le risate fatte con gli amici….. al solito abbiamo parlato della mentalità tutta americana di vedere il peccato dove non c’è e di ignorare i veri peccati che affliggono quel paese…. Tutti punti di vista logicamente… qui in italia invece sembra che tutti i nostri politici siano casti e puri…..tolto l’attuale presidente che si regge e non si regge data l’età, gli altri sono tutti senza pecche nel campo sessuale….. forse vale il proverbio antico come il mondo : il cazzo non vuole pensieri !….e di pensieri i nostri ne hanno tanti….. soprattutto nel cercare di fregarci più soldi possibile….

untitled

staccare..

…già….quasi una settimana passata fuori dall’Italia….in una sola città….Madrid… fuori dagli schemi soliti di questo paese dove è tutto fatto di corsa…..in modo snervante…. dove il cellullare squilla sempre… dove non riesci a camminare in pace senza incontrare persone che ti fermano… ti chiedono…. Cinque giorni passati in mezzo a perfetti sconosciuti….dove puoi camminare e parlare senza la solita maschera che ti infili alla mattina appena sveglio e spesso non ti togli neanche alla sera prima di dormire…..Qui c’è pace in mezzo alla folla…c’è caldo…ci sono i colori che mi piacciono…. le persone che hanno vita e voglia di vivere …. Beh…questi pochi giorni mi servono per scaricare la tensione che si accumula nei nervi e nelle ossa…. Ora posso ricominciare a correre…
???????????????????????????????