camminata delle 7 chiese

Ho camminato tanto quella notte….logicamente non con il mio passo, ma con il passo di altri…diverso dal mio….uno dei motivi della mia voglia di camminare da solo… camminato con il peso di uno zaino pieno di cose non mie…. forse  neanche volute….con pensieri non miei  ma spinti dalla voce di un sacerdote che mi  martella nelle orecchie con un auricolare mio ed una radio ricevente di altri….. guardo Roma di notte che scorre davanti ai mie occhi ….andiamo veloci….. passiamo da vie piene di gente…turisti…romani  e romane….preti e suore….puttane…trans….. puri  frogi e barboni con la bottiglia del vino in mano in attesa di cadere in terra  pieni di alcool e dormire, dimenticando tutta una vita rifiutata….. a vie sconosciute e sole….nel silenzio improvviso e privo di persone che si raccontano la loro vita……scendiamo le scale e ci si ritrova sul lungo Tevere….. liscio…pulito…q uasi  vuoto….. e si cammina correndo….si mormorano preghiere mentre la voce del sacerdote si fa sottile…sconnessa…. ed i miei pensieri si impossessano  di nuovo della mia mente….siamo tanti…forse 800…divisi in 8 gruppi da cento…. Io ho il mio gruppo…lo seguo a stento…. non so dove si va di preciso….. certe strade mi sono sconosciute….. ci ho abitato a Roma…quasi due  anni e conosco solo i luoghi  dove si posso rimorchiare ragazze…. o  fare soldi con i frogi di turno….  All’epoca S.Pietro era una chiesa come un’altra per me….. ed invece ora con S.Paolo….S.Giovanni e le altre diventa luogo di incontro con il Dio che ho sempre lasciato da parte…. ed invece ora riesco ad iniziare a conoscere….  Non capisco questa fretta di correre….si chiama la camminata delle 7 chiese e non la corsa…..  ma forse dal 1500 e rotti, quando è iniziata questa pazzia….il tempo è scorso in avanti e ci siamo modernizzati credendo che il correre cambi il modo di godere la vita……. Oggi si corre sempre….io corro sempre….forse è la paura di non fare quello che si vuole…..o la paura che arriverà presto il domani e si dovrà correre per fare altre cose…. E mentre corro mi dico sempre: ma perché corri….nulla è urgente…. neanche la morte….. Partenza alle 19…effettiva alle 21 quasi….arrivo alle 7 della mattina dopo….. una bella scarpinata….

Roma 2015 camminata 220

perchè………. già..

Perché……. Già inizio sempre i miei discorsi con un perché…la mia mania di sapere cosa succede…..che significano certi gesti…certe parole….. Ho detto a me stesso che voglio essere sincero con te….onestamente lo sono sempre ma qualche volta non dico tutta la verità….penso che certe cose non ti possono interessare….come se mi fa male la pancia quando mi sveglio e vado in bagno…. Oppure quando scelgo da mangiare qualcosa che non mi piace per pigrizia…perché non c’è nulla che mi piace e non posso dire: io non mangio….., scelgo quello che mi salta agli occhi e poi mangio…. Te l’ho raccontato di quella mia amica lesbica che al ristorante, quando eravamo insieme, ordinava il primo, secondo , frutta , dolce e caffè e poi mangiava come un uccellino….io le dicevo : ma se non ti va perché ordini tutto questo ?….e lei mi rispondeva che la madre le aveva insegnato a  chiedere sempre tutto, il mangiarlo era secondario…come le aveva insegnato a masturbarsi e ad avere l’orgasmo con le proprie mani….  fare sesso con gli altri era sempre secondario…… Così mangio io….. Come quando alla mattina a colazione  mangio i dolci che poi mi fanno male…ma li mangio pur sapendo che dopo mi lamento….. Iniziando con il perché, mi sono perso per strada…… volevo iniziare a dirti il perché di certi mie gesti…di certe mie parole…. di certe mie decisioni…….. mi sa che dovrò iniziare  da capo…..

DSC00239

Miss Italia

Durante la fase finale di Miss Italia alle ragazze è stato chiesto di rispondere a delle semplici domande dei coach. Ecco le loro risposte assurde ed i commenti su Twitter

Siamo agli sgoccioli della finale di Miss Italia 2015 e le tre finaliste Alice Sabatini, Letizia Moschin e Vincenza Botti sono chiamate a rispondere a delle semplici domande poste dai loro coach. Immediatamente il volto delle ragazze si atterrisce come davanti ad una commissione di esame, tra la stanchezza, la tensione e l’emozione, riusciranno a rispondere a delle semplici domande? A quanto pare no, l’attuale Miss Italia Alice Sabatini è spiccata su tutte per una gaffe davvero imbarazzante che pagherà per un bel po’. Alla domanda di Amendola che chiede alle concorrenti in quale epoca sarebbero volute vivere e chi avrebbero voluto essere. La prima a parlare è proprio la Sabatini che gela tutti con una risposta agghiacciante: “Vorrei essere nata nel’42, per vivere la Seconda Guerra Mondiale. Sui libri ci sono pagine e pagine, io volevo viverla per davvero, poi essendo donna non avrei nemmeno dovuto fare il militare”.

È successo un casino dopo le parole di Alice Sabatini, miss italia 2015…… una domanda stupida ed una risposta che molti hanno deciso essere idiota, cretina…. Beh….pensiamoci bene a quello che lei ha detto…..tra le righe…… Posso indovinare e quello che dico non è una giustificazione alle sue parole….è semplicemente un pensiero….. Nella sua mente c’è il ricordo dei genitori, dei nonni, di fatti letti e studiati nei libri di scuola italiana, quei libri che sono stati scritti troppo presto e da persone di parte… Al solito, qui in Italia siamo tutti bugiardi e falsi….. abbiamo creato il termine “Politicamente corretto” per giustificare la nostra falsità…non si dice più la verità…ma solo una massa di bugie che alla fine diventano vere, anche per la nostra stupidità…… Se si è andati a scuola, soprattutto alle superiori, se avevi un professore di storia di sx ti raccontava la sua versione dei fatti e avevi un libro scritto da un Saitta….. se ti capitava un professore di dx allora la versione dei fatti era diversa….logicamente mi dicono, ma io replico che la storia è storia di fatti accaduti e le motivazione sono quelle…. Se il fascismo ha fatto cose brutte, bisogna dirlo, così come se ha fatto cose belle…. Lo stesso vale per il Comunismo, per i Partigiani….. per i soldati di Salò…. Per le motivazioni vere di una guerra che ci ha regalato tanti morti….al solito morti di popolo ma non delle alte gerarchie ….loro si salvano sempre…. Ma noi italiani non siamo adatti a scrivere la verità…. Ci sono i famosi Partiti che ci condizionano….. Ora questa benedetta Miss  ha detto una cosa più che giusta….. le sarebbe piaciuto poter vivere quei momenti e magari dire: ma che cavolate avete scritto su questa Italia e questi poveri Italiani?….. Sicuramente ha sentito da piccola i racconti dei nonni soprattutto….e quella è verità e non quello che c’è scritto in un libro… Ricordo quello che mio padre mi raccontava…. Messo la muro per colpa di partigiani assassini…. Ma queste cose non si possono scrivere…. Cadrebbe tutta l’impalcatura di un racconto da favola…. Gente che è morta di fame perché sia i tedeschi che i partigiani si appropriavano di tutto con la scusa che  i  soldati dovevano mangiare e vivere, per ammazzare altra gente….. Forse Alice avrebbe voluto dire così, o aggiungere altro……ma qualcuno glielo ha impedito….

IMG_1709

password

Per un attimo ho  avuto un terrore da far paura…… ho dimenticato la password  dell’iphone….. più che dimenticata ho avuto un vuoto di memoria….. per fortuna ho un foglietto nel portafoglio dove conservo le pass più importanti….. mentre lo cercavo mi è tornata alla memoria…..e con la memoria il ricordo di un altro blackout…..qualche anno fa in Africa….. avevo messo una scheda  telefonica acquistata in Guinea e l’ho usata per un paio di mesi…. Poi al momento di ripartire,  tolto la scheda ho rimesso quella della Vodafone…. Appena acceso il cell.  mi ha chiesto la pass. E lì è scoppiato il vuoto…. Ho provato due volte, sbagliando….sapevo che la terza mi avrebbe bloccato il telefono…… sono stato mezza giornata a pensare….ho la memoria fotografica e ricordo i movimenti che faccio sulle tastiere…. Ma quella volta nulla…. Poi mentre provavo per la terza volta, sapendo già di sbagliare, ho avuto un lampo….mi sono visto digitare i numeri esatti e l’ho fatto….. Appena ho sentito la musichetta mi si è aperto il cuore….. E’ la seconda volta che mi succede….. mi sa che sto invecchiando …. Ora ho tutto memorizzato….tutti i programmi…gli strumenti elettronici che hanno una password …. L’ho messi  in modo che non mi richiedono più nulla, sempre se sono io a digitare…… però mi sono fatto un elenco su un foglietto e lo tengo nel portafoglio……. Non si sa mai…..

DSC00796

quattro sassi

Dai……sono solo quattro sassi e pure piccoli…. sono anche abbastanza lontani dalle tue braccia…….sono qui non so neanche perché …forse qualcuno li ha gettati via….non ti servono…dai non fare così….. lo sai che ti voglio bene…. lo sai che mi piace guardarti e parlare con te….. lo so che ti sono simpatico…. Fin da piccolo mi abbracciavi e sentivo sulla pelle le tue carezze fresche …… mi cullavi e qualche volta sei riuscito anche ad entrare nel mio corpo….si ti ho bevuto….. un po’ salato ma a me il sale piace…. Ed ora inizi a muoverti perché ti ho sottratto quattro sassi che forse ti servivano per giocare…..scusa ma non lo sapevo….. vedo che i tuoi spruzzi arrivano fino qui e li lambiscono….. li lavano….togliono  la sabbia e rendono le superficie liscie….pulite….  che bello…lo fai per me…. Stamani mi hai consolato…. Ti ho confessato quello che avevo dentro e mi pesava……e tu me lo hai lavato come ora lavi questi sassi…. Il tuo azzurro è diventato più cupo…. come piace a me…. Quante cose ascolti e conservi nel tuo ventre…..c’è quella coppia laggiù che ho sentito discutere animamente  ed ora si sta baciando….sei stato tu a calmare i loro spiriti ?…… Sei il mio mare…. Lo so che non fai tante distinzioni, ma per me sei l’unico…. Ti riconosco in tutte le parti del mondo e ti parlo sempre e tu mi capisci e mi rispondi….. ora porto via queste quattro pietre….mi piacciono….non mi dire perché….. mi piacciono e basta…. Forse perché mi ricordano te….. a presto….grazie…

mare 144

mezzi…

Cerco di abituarmi a prendere i mezzi pubblici….la macchina è comoda , è vero…..ti libera dagli orari….dalla dipendenza  e dal giudizio di altri…. Però ti fa stare solo con i tuoi pensieri …. con la tua musica…o con la tua donna…. Ed io a volte ho bisogno di rumore…di casini….di folla che ti preme….di odori di  carne o profumi artificiali…. Ed ogni tanto lascio le mie macchine e mi diverto a vivere  in un treno o un  autobus….o la Metro….o un tram….. salgo, mi cerco un posto e chiudo gli occhi per un attimo…..e il rumore dell’Umanità mi entra dentro….. gente che urta le mie ginocchia…. Mani che mi sfiorano….profumi dei più strani….se è di cipolla so che ho un extracomunitario  africano vicino…. Le voci che hanno un  tono ed una musicalità speciale mi avvolgono….Cerco di capire i loro linguaggi…….Con gli occhi chiusi sembra  agli altri che io dorma ed invece la mia anima è vigile…pronta ad avvicinarsi ad un’altra anima simile….. sento il sorriso di una donna….lo sento perché è silenzioso….apro gli occhi e la vedo con lo sguardo perduto nel vuoto che sorride….chissà cosa pensa…..  intanto conto le fermate….. non leggo i nomi della stazione….. conto…è più facile ed in caso di caratteri cirillici non ci si sbaglia…. A Mosca ho sbagliato due volte ed è stata una fatica ritrovare la strada…..logicamente senza chiedere….. a volte il mio orgoglio mi vince….. Poi mi avvicino all’uscita….ho lo zainetto stretto davanti….c’è sempre pericolo che qualcuno possa derubarti…. Mi è successo a Roma sul 64 per S.Pietro….. mi sono ritrovato senza portafoglio e onestamente non ho sentito nessuno che mi toccasse…. Certi borsaioli hanno le mani di velluto….sul serio…. E’ un buon mestiere….volevo imparare anche io, ma ho troppa fantasia, mi hanno detto….c’è bisogno di freddezza nelle mani ed io la freddezza ce l’ho nel cuore…. Cmq ho imparato ad aprire le porte con una carta telefonica….può sempre servire, mi dico…… Si esce tra una fila di persone impazienti a prendere il tuo posto …e sei nel sole…..

 IMG_0158